venerdì 25 aprile 2008

SI POSSONO SPENDERE CENTINAIA DI MIGLIAIA DI EURO IN TRAVERTINO PER FARE UN PARCHEGGIO NELLA PIAZZA PRINCIPALE DEL CENTRO STORICO?



Il Centro Storico è il Bene Culturale maggiore della nostra città con il suo impianto urbanistico rinascimentale risalente al 1470. Gli interventi al suo interno non devono essere sporadici e isolati ma frutto di una concertazione di più competenze sollecitate dall’Amministrazione e volte ad un progetto di rivalutazione e restauro globale.
Il centro storico è un’occasione da non perdere per Giulianova.
Chiediamo: in un momento di ristrettezze economiche, è il caso di “sperperare” un milione di euro per realizzare un parcheggio ed una strada in travertino che verranno macchiati di olio e dissestati di nuovo nel giro di pochi anni, in mancanza della pedonalizzazione? Piazza Buozzi resterà infatti parcheggio e carrabile come lo resterà corso Garibaldi.
Continuiamo con la stessa improvvisazione con cui si è intervenuti nel realizzare l’ “incredibile” anfiteatro dietro al Municipio?

Proponiamo di procedere in maniera logica:
· Dotare il Comune, coinvolgendo tutte le competenze necessarie, di un serio, adeguato, unitario progetto di restauro delle parti pubbliche di tutto il Centro Storico.

· Individuare e realizzare parcheggi alternativi limitrofi al Centro Storico per poi procedere al restauro e alla pedonalizzazione di Piazza Buozzi.
· Mettere a punto un piano traffico che consenta la mobilità senza dover ricorrere sempre all’auto privata.
· Impiegare, ora, le eventuali risorse disponibili per completare: il Loggiato del Sotto belvedere con la realizzazione dell’Auditorium nel grande spazio centrale; il restauro di Palazzo Bindi(Biblioteca e Pinacoteca) e dell’ex caserma di via Bindi, smettendola con l’andazzo delle “incompiute”.

40 commenti:

Anonimo ha detto...

No, non è possibile spendere tanti soldi senza una visione completa di riorganizzazione del centro storico.
Ma se invece la visione ci fosse e i primi passi fossero proprio la costruzione della "Cosa" dietro al Municipio e la definitiva riduzione della Piazza Buozzi a parcheggio?
C'è da tremare!

Anonimo ha detto...

Il sindaco e gli assessori dovrebbero andare a farsi un giro nei paesi delle marche o in umbria,come gli amministratori hanno saputo riportare quei luoghi al loro splendore. Gulianova che fa? Arlecchino? Pensateci prima di sperperare soldi dei cittadini..Ci sono tanti che sudano per portare a casa 1000 euro al mese..Voi non BUTTATE Denaro...a cavoli..

Anonimo ha detto...

ha ragione Fosforo a definire il Sindaco Ruffini "calcestruzzo" anzi a me sembra una Giunta e un Consiglio Comunale "calcestruzzo", nessuno che difende il bene pubblico. ma le associazioni ambientaliste, verdi,italianostra,wwf,legambiente, ecc.... dove sono? anche loro "calcestruzzo".
facciamoci sentire!
p.s.
ieri ho letto che Calcestruzzo vuole di nuovo rimettere in vendita la piazza del mecato
coperto.....
Ma non serve proprio a niente la volontà popolare? Chi si crede di essere......
Quello che dice Grillo non fa capire niente a questi amministratori.
Firmato: Uno di quelli incazzati

Anonimo ha detto...

Andatevi a vedere la prima pagina di quel quindicinale distribuito nelle edicole da Radio G. Un esempio di alta ironia, con la foto di un politico locale che, secondo l'estensore, "prova il suicidio" per storie di candidati sindaci del PD. Sarebbe una cosuccia innocua, senonchè la foto in questione sembra davvero stata scattata all'ingresso di un lager (Auschwitz?).
Ci si può ancora indignare in questo Paese, oppure ormai ci si è abituati a tutto?
E' giusto parlare di rifacimenti di Piazze solo per fini elettorali, ma cosa dire di questo squallido modo di fare informazione?
MARCO68

Anonimo ha detto...

SU PIAZZA BUOZZI
Capisco che si tratta di un dettaglio rispetto alla desolazione del quadro generale: ma siamo proprio sicuri che si tratti proprio di travertino?
il punto è che sia per i marciapiedi lato ovest del lungomare di giulianova sia per la piazza del municipio di Roseto (stesso fornitore noto ai più con buone p.r.) non è stata utilizzata una pietra che appartiene alla nostra tradizione archiettonica ed al nostro territorio ma una pietra "tipo porfido" estratta da cave indiane e portata in Italia via Cina.
nella malaugurata ipotesi che prendessero corpo i progetti dell'Amministrazione Comunale bisognerebbe verificare anche questo e chiedere le motivazioni di una scelta così sconsiderata.

SU PIAZZA DALLA CHIESA
In effetti è in atto il gioco delle "tre carte", con la benedizione della disinformazione posta in atto da alcuni mezzi di informazione locali. Vedere di seguito quanto pubblicato domenica:

"Ci sono altre due grosse novità nel campo dell’urbanistica a Giulianova. La prima, se si concretizzasse, sarebbe davvero un successo per la città e riguarda lo spostamento delle costruzioni del lascito Migliori-Longari dalla zona dove è stato approvato il progetto (e cioè vicino alla scuola materna e al campo di atletica leggera) al vecchio edificio del mercato coperto. Il costruttore Piergallini sta lavorando ad un progetto di questo tipo che poi dovrà presentare al Comune e si spera nella sua approvazione perchè il tutto eviterebbe di deturpare per sempre lo splendido panorama della collina giuliese che si ammira dalla Zona Orti e soprattutto darebbe un senso e una finalità all’ormai inutile ed abbandonato al suo destino (nonchè ai vandali e al tossicodipendenti) edificio del mercato coperto. A nostro avviso questa soluzione si sarebbe potuta ottenere prima se veti incrociati e spesso demagogici non ne avessero impedito la concretizzazione. Un plauso a Piergallini se veramente continuerà sulla strada intrapresa ed un pungolo all’amministrazione comunale perchè veramente questa piccola grande rivoluzione giungesse a soluzione. Tra l’altro, se si fosse fatto allora, il tutto avrebbe anche potuto impedire la vendita del pioppeto, su cui ora alcuni piangono, ma sono soprattutto gli stessi che si opposero alla trasformazione del mercato coperto, una costruzione ormai senza alcun fine e senza alternative concrete di destinazione".

SIC! SIC!

Anonimo ha detto...

La realizzazione di un intervento particolarmente oneroso per il rifacimento di Piazza Buozzi, in assenza di un progetto più complessivo e ragionato sull'intero centro storico, ci sembra un atto di superficialità. Opere così dispendiose e soprattutto così delicate, in quanto intervengono in maniera definitiva sul centro storico della Città, richiederebbero il coinvolgimento dei cittadini, portatori di competenze ed esigenze che ben potrebbero aiutare a disegnare il futuro di Giulianova Paese.
Se si comprende che il centro storico è bene culturale e che per essere fruito ed apprezzato va adeguatamente valorizzato, non si può condividere un intervento che - per come concepito - rappresenta solo una spesa ingente e di fatto non modifica la condizione attuale di Piazza Buozzi ( parcheggio e transito ).
Immaginiamo e speriamo in qualcosa di più, e continuiamo a pensare che una amministrazione moderna e vicina ai cittadini non possa prescindere da momenti di dibattito e confronto sui temi strategici per la Città.
Andrea Beccaceci e Alberta Ortolani

Anonimo ha detto...

l'estate scorsa con tempistica incredibile, i lavori sul lungomare ( e che lavori ...)e questa estate quelli in piazza Buozzi. Ma a quale logica risponde l'attività comunale? certo non a quella dei Giuliesi. Mi viene un dubbio: forse che la prossima primavera si vota e un'altra inaugurazione ci sta bene?
Appunto ... si vota...

Anonimo ha detto...

Ritengo che l'intervento in piazza Buozzi concepito senza alcuna "strategia globale" sia estremamente grave. Non tranquillizza affatto la visione di quella orrida fossa di cemento che confina con la nuova "torretta" aggiunta al palazzo comunale.
Ma possibile che i Giuliesi abbiamo perso del tutto la facoltà di indignarsi?
Non lo posso credere.
Il "paese" è un meraviglioso scenario che aspetta solo di essere valorizzato e ripensato.
Non può essere affidato all'improvvisazione e all'estro momentaneo. Credo meriti lo studio di un'equipe che coinvolga oltre alla figura dell'architetto, lo storico, l'urbanista e lo storico dell'arte. E' chiedere troppo?
Inoltre mi indigna che in un momento in cui ci si vende di tutto per debiti siamo capaci di spendere quasi un milione di euro per pavimentare di nuovo un parcheggio!!!
E basta... ma veramente è troppo!!
Non riesco neanche ad esprimermi bene tanto l'amarezza mi prende.
Che fare? Io propongo una grande festa di Piazza tanto per ribadire che la piazza è l'elemento fondante di una città ... per i nostri amministratori questo concetto è pericolosamente
sconosciuto.
Marialuisa De Santis

Anonimo ha detto...

bisognerebbe richiedere all'amministrazione di presentare, con dovizia di particolari, il progetto di rifacimento di piazza buozzi, in pubblica assemblea. magari al moderno, vista la vicinanza, o addirittura con tanto di palco in piazza buozzi.

Anonimo ha detto...

Indovinate chi proponeva quanto segue:
"Il Consiglio Comunale (...) impegna il sindaco e la giunta
1. a riattivare il Laboratorio per il centro storico, presieduto da una personalità esperta nel settore del recupero urbano e sociale dei Centri Storici, definendo una collaborazione con l'Università di architettura di Pescara;
2. ad istituire un fondo di 200milioni di lire per l'anno 2001 come intervento minimo per finanziare al 50% la sostituzione di infissi di metallo, saracinesche, ecc., con materiali più consoni al tesstuto rbano del centro storico (legno), con priorità per gli edifici posti sulle piazze pubbliche più importanti;
3. (...)
4. ad approvare uno specifico regolamento per il centro storico, riguardante le possibili agevolazioni fiscali e/o incentivi economici nei confronti dei cittadini e delle attività commerciali presenti;
5. ad istituire e pubblicizzare uno specifico percorso culturale permanente per valorizzare le istituzioni pubbliche e private esistenti (...)
6. ad istituire specifici concorsi pubblici finalizzati alla piena valorizzazione del tessuto urbano ed economico, per invogliare i cittadini a fare di più e meglio, nell'intento in un prossimo futuro di dichiarare il centro storico luogo slow (vivibilità, bellezza paesaggistica, funzionalità urbana."
Non vi ricordate di questo documento? si tratta di una risoluzione presentata in consiglio comunale il 10 agosto 2000 a firma dei consiglieri comunali Ds: MASTROMAURO, GERARDINI, BRAGA, CAPANNA, DI SABATINO, TIERI.
meditate gente, meditate!
cirano

Anonimo ha detto...

Come è possibile non pensare che l’intervento sulla più importante Piazza che abbiamo nel nostro centro storico possa essere scollegato da uno studio completo e serio che riguardi la valorizzazione di tutto il centro storico?
Come è possibile non pensare che una piazza è una piazza e che, se si decide di ristrutturarla, dovrebbe essere riconsegnata alla città con la sua funzione: quella di piazza e non di parcheggio?
Come è possibile non pensare che sia necessario anche un ripensamento della circolazione delle auto che conferisca maggiore dignità al centro storico?
Come è possibile non pensare che in un momento di difficoltà le spese vadano ponderate e vadano anche pianificate secondo un programma di intervento ben pensato che miri a ottimizzare le spese e i risultati?
Certo, solo domande... e le risposte?

Anonimo ha detto...

Certo sarebbe opportuna una pubblica assemblea nella quale si presenti il progetto di ristrutturazione della piazza e di tutto il centro storico.
Come fare per richiederla?

Anonimo ha detto...

Che Il Cittadino Governante, chiamando a raccolta Cittadini, Movimenti ed Assocoazioni, inizi una raccolta di firme per richiedere l'assemblea.
Sono certo che tutti gli uomini e le donne di buona volontà non si tireranno indietro.
A quel punto a Palazzo non potranno far finta di niente.

Anonimo ha detto...

ma l'amministrazione comunale si è resa conto del disastro che ha fatto l'anno scorso con i lavori sul lungomare?
vuole riprovarci anche questa estate con il paese e affossare definitivamente la sua economia?

Anonimo ha detto...

sicuramente la tempistica di questa amministrazione lascia a desiderare ... ma è molto preoccupante la mancanza di un progetto generale e soprattutto l'uso del travertino in centro storico come il nostro che non lo contempla affatto.
cosa si può fare?

giorgio ha detto...

Per abbellire le città c'è una sola cura: ridurre la circolazione delle auto. I centri medievali, strano a dirsi, non furono concepiti per il transito di automobili e pare che l'Italia, forse il più ricco nel settore, sia l'unico a non averlo ancora capito. I soldi pubblici devono migliorare le infrastrutture, offrire occasioni di incontro e mantenere quel che esiste già nelle migliori condizioni possibili.

Anonimo ha detto...

ho letto la "ricetta" di Giorgio per abbellire le città. Sembrerebbe quasi una cosa ovvia ma evidentemente sconosciuta ai nostri amministratori che sembrano invece ritenere la cosa più bella per una città aprire dei cantieri quanto più grandi possibili ... a prescindere. Il loro motto è "politica del fare". Ma possibile che nessuno replica che sto motto è ridicolo ma soprattutto pericoloso?
La politica può essere solo quella del "fare bene" altrimenti è meglio stare fermi e aspettare tempi e modi opportuni. Dopo il lungomare ( a quanto pare ancora non è stato abbastanza martorizzato vedi cantiere davanti il caprice, la "cosa" dietro il municipio, le rotonde ecc. ecc. adesso tocca a Piazza Buozzi! eh no! ... per piacere "cantierizzate" un'altra cosa! lasciateci la possibilità di intervenire dopo e con un progetto più ragionato! Nel frattempo qualcuno non potrebbe consigliare loro di andarsi a vedere qualche centro storico dell'Umbria, della Toscana o delle Marche? Basta scempi ... calcestruzzini abbiate pietà ... almeno uno di voi faccia sentire un pensiero, una voce, una riflessione che dissente ...

Anonimo ha detto...

Il silenzio dei mezzi d'informazione locale maggiormente diffusi pesa su Giulianova come una cappa e tenta di stroncare sul nascere ogni sana riflessione sulle molte scelte dell'attuale Amministrazione.
L'Urbanistica è diventata "tabù".
Bisogna trovare il modo si spezzare questo intreccio perverso e ridare voce e dignità a chi vuol cantare fuori dal coro.
Basta con il falso ambientalismo felpato e di maniera. Basta con i diktat delle lobbies del cemento. Basta con questi Consigli Comunali di basso profilo. Basta Basta Basta. E' ora di rialzare la testa, prima che ce la taglino del tutto.

Anonimo ha detto...

cosa fare? attivare un comitato?
Luciana

Anonimo ha detto...

L'ho già scritto.
Il Cittadino Governante lanci un appello e saranno in molti a seguire.

Anonimo ha detto...

sono entrata per caso nel vostro sito. mi è parso interessante ma non è pubblicizzato.
sono d'accordo che non bisogna sperperare denaro pubblico. Anzi l'idea di spendere tanti soldi per un parcheggio mi sembra per lo meno incoerente dato che non si fa altro che dire che abbiamo tanti debiti. questa incoerenza come cittadino mi preoccupa. se i debiti non sono così pesanti come ci dicono perchè non spendere i soldi in cose più necessarie? per esempio strutture per giovani o aiuti nel sociale?

Anonimo ha detto...

In un paese normale i parcheggi li avremmo già: quelli davanti al campo sportivo Fadini, lato sud per intenderci.
Potrebbero essere meglio sfruttati, magari inibendoli solo quando il Giulianova gioca in casa.

Invece di esser contenti che lasciatiata li la macchina, in tre minuti tre di camminata siamo nel cuore del centro storico, dobbiamo stare a sentire otto miliardi di polemiche per trentasette anni su dove parcheggiare una c...o di automobile.

Nemmeno che nel Centro Storico ci fossero le gallerie d'arte di Firenze!!!

Esiste la sosta, l'automobilista fa scendere il passeggero/i e poi va a parcheggiare la macchina altrove. Punto.

Dieci commercianti, al quale va tutto il nostro rispetto, non possono sempre dire no a tutto.
Odiano le aree pedonalizzate, ed il normale cittadino subisce le loro volontà perchè chi ci amministra dopo ha paura di perdere voti per la SUA carriera politica.

Piazza Buozzi deve essere interamente chiusa al traffico, o meglio lasciare passare solo le automobili, senza farle sostare o parcheggiare.

Sto Vaccarini sta dappertutto, ma com'è un'Architetto del Comune o cosa?

Vaccarini porta il travertino a piazza Buozzi e Secone sulla Slita Montegrappa portò i capitelli romani: che hanno da spartire con il Centro Storico del 1400?

Anonimo ha detto...

QUALCUNO LO SA?

L'altro giorno passeggiando in bici sul lungomare ho notato una cosa strana. All'altezza della Conchiglia, la Sprint si è impossessata di una porzione del parco Chico Mendez (ospizio marino). Prima di scrivere direttamente a calcestruzzo, chiedo al cittadino governante o chi informato come sia stata possibile una cosa del genere. Praticamente sono diventati loro i proprietari!!!. Non bastasse la porzione di verde annessa al loro locale, ho visto presumo il figlio uscire dal cancelletto del parco, altrimenti rigorosamente chiuso da un lucchetto, con una motorino a 4 ruote....
Il parco è fruibile? O solo dal luna park? I nuovi lampioni che li hanno messi a fare?...
Fosforo

Anonimo ha detto...

Maria Luisa De Santis ha detto:

Ritengo che l'intervento in piazza Buozzi concepito senza alcuna "strategia globale" sia estremamente grave. Non tranquillizza affatto la visione di quella orrida fossa di cemento che confina con la nuova "torretta" aggiunta al palazzo comunale.
Ma possibile che i Giuliesi abbiamo perso del tutto la facoltà di indignarsi?


Ben detto, quella specie di anfiteatro che si sta realizzando dietro al Municipio è orrendo!
Orrore!!!!

Dicono che il suo disegnatore sia, tal Geometra Pet....i da Giulianova.
Invece di scimmiottare un'anfiteatro, con la classica parte curva e le ali alle estremità, ha disegnato un quadrato mancante di un lato ed ha smussato a 45° gli angoli: bravo, quadro e squadro!!
Sti professionisti a volte (sempre) fanno dei guai.

La torretta, come la chiama Maria Luisa De Santis, altro non è che il vano ascensore e il progettista è lo stesso della Salita Montegrappa, li dove ha riempito tutto con tanti mattoni, per coerenza ha continuato a rivestire il vano ascensore del comune....con i mattoni appunto.
Gli piacciono i mattoni di (finta) terracotta, li mette dappertutto.
E' la sua firma in calce.

Ultima cosa: l'anfiteatro appena riparato sul lungomare.
Si costruì in legno (poco)trattato, e a distanza di dieci anni o più è caduto a pezzi, perchè in legno, appunto.
L'acqua piovana si accumula sulla seduta, e questa la assorbe perchè non ha via di fuga.
Quindi se rimetto ancora dei nuovi assi devo sapere che tra un pò cominceranno a deteriorarsi di nuovo.
Fu sbagliato a costruirla in legno, mai resisterà alla pioggia, intemperie e salsedine.
Magari l'abete utilizzato è pure trattato male, ovvero non gli danno i potenti veleni che davano alle roverelle delle ferrovie.

Avvelenare l'ambiente per una sorta di grande panchina, che idea......

Studiano architettura per rovinare tutto, invece di tutelare il paesaggio.
Architetti non me ne vorrete.
Ciao.

Il fotoreporter

Anonimo ha detto...

FOSFORO Ha detto:
L'altro giorno passeggiando in bici sul lungomare ho notato una cosa strana. All'altezza della Conchiglia, la Sprint si è impossessata di una porzione del parco Chico Mendez (ospizio marino). Prima di scrivere direttamente a calcestruzzo, chiedo al cittadino governante o chi informato come sia stata possibile una cosa del genere. Praticamente sono diventati loro i proprietari!!!. Non bastasse la porzione di verde annessa al loro locale, ho visto presumo il figlio uscire dal cancelletto del parco, altrimenti rigorosamente chiuso da un lucchetto, con una motorino a 4 ruote....
Il parco è fruibile? O solo dal luna park? I nuovi lampioni che li hanno messi a fare?...
Fosforo

Susa Fosforo, non voglio sembrare invadente ma non credo che tale argomento non vada discusso in questo 3D
Lo spazio in questione i titolari della pasticceria Sprint lo utilizzano da almeno da quindici anni, non so che convenzione abbiano con la ASL, proprietaria del parco Chico Mendez, ora purtroppo all'abbandono.
Spero che la ASL provveda subito a manutendarlo ed a renderlo fruibile ai cittadini, altrimenti si sta rendendo proprio ostile alla cittadinanza, già che tra quattro giorni chiuderà tutta ostetricia, ginecologia e pedriatria all'OC di Giulianova.

Io perlomeno so che il parcoè loro, poi se abbia una convenzione con il comune mi sfugge.

Il fotoreporter

Anonimo ha detto...

trovo semplicemente scandalosi e fazioni i commenti riportati oggi su IL CENTRo e su IL MESSAGGERO relativi all'incontro di lunedì tenuto in Comune tra l'Amministrazione Comunale ed i commercianti del Centro Storico.
Al contrario da quanto riferito da entrambi quotidiani, nessuna convocazione è mai stata affissa per convocare i residenti mentre la lettera di invito firmata da Calcestruzzo e dal suo Vice era indirizzata soltanto ai commercianti.
A leggere i due giornali sembrerebbe che il motivo di divisione tra i presenti, rispetto al progetto, fosse pedonalizzare o meno Piazza Buozzi e Corso Garibaldi!
Si tratta, chiaramente, di un sondaggio fazioso.
Ciò conferma, visto anche il particolare trattamento mediatico riservato alla vendita del Pioppeto, che una delle tante emergenze che si vivono a Giulianova consiste proprio nella mancanza di imparzialità e di trasparenza di certa informazione locale.

Anonimo ha detto...

La Giulianova Patrimonio ha acceso un mutuo di 4 milioni di euro con un'istituto di credito locale impegnando la sua casa sociale, ovvero il Kursaal.
Presi i soldi dalla banca li ha girati al comune, il suo socio unico, il quale ci ha pagato il campo scuola G.Massi, la pista di atletica, tanto per intenderci.
Dopo ventisette anni l'ha pagata!!!

Ora se la Patrimonio non vende(va) le sue aree più appetibili quel debito con la banca non poteva mai essere estinto.
Tenene conto che la stessa Patrimonio paga 240.000 euro l'anno di interesse passivi.
Soldi tolti alla cittadinanza per pagare un mutuo senza averlo ancora estinto.

Con il ricavato del pioppeto si va quindi ad estinguere il mutuo e con il resto lo si ridà al comune il quale saprà, lui, come meglio impiegarlo.
Certamente ci sono tanti altri debiti da pagare e qui sta il motivo della imminente vendita dell'altro gioiello, la scuola elementare Aquaviva.
Questo è quello che ho capito acoltando i consigli comunali e chiedendo lumi ad un consigliere del PD del quale mi sfugge il nome.
Penso che corrisponda alla realtà.

L'altro argomento della pedonalizzazione almeno del primo tratto di Corso Garibaldi e quella della ristrutturanda (che parola!!)piazza Buozzi mi vede fortemente attento, da abitante nella parte della Città chiedo a gran voce la messo al bando delle automobili per i tratti sopra indicati o quantomeno l'apertura di pubblici dibattiti per sensibilizzare ed ascoltare anche quella parte della cittadinanza che li, non ha nessuna attività commerciale.
Non possono dieci commercianti imporre la loro volontà a 7000/8000abitanti di Giulianova Alta!

Il fotoreporter

Anonimo ha detto...

FOTOREPORTER l'invadenza non la scuso. Hai perso un'occasione per farti una passeggiata. Ti invito quando le cose NON LE SAI ad astenerti dal rispondere, se le tue risposte sono campate in aria e
come farebbe qualsiasi persona di sano intelletto... Cmq domenica vengo anch'io a fare colazione dalla gratis dalla sprint..
Da chi informato chiedo come si fa a privatizzare la pineta del parco CHICO MENDEZ.. senza offrire paste gratis.....
FOSFORO

Anonimo ha detto...

Tu non le sai, informati meglio.
Il Fotoreporter

Il Cittadino Governante ha detto...

In risposta all’intervento di “fotoreporter” del 29 maggio nel quale dice di essersi fatto un’idea sulla problematica dei debiti pregressi, ascoltando i Consigli Comunali e chiedendo ad un Consigliere del PD, lo invitiamo a leggersi, all’interno del nostro sito (nella Home page cliccando su argomenti e iniziative e su il nostro commento alla vendita del pioppeto), i documenti che abbiamo diffuso (pubblicamente e ampiamente) sul complesso argomento dei debiti e delle alienazioni.
Questo sito è nato anche per fare un po’ di controinformazione di cui ha tanto bisogno questa città. Il tentativo è di avvicinarci tutti un po’ di più alla verità.
Il nostro interlocutore dovrebbe chiedersi perché, nonostante la nostra associazione abbia ripetutamente affermato che i debiti non sono 14 milioni di euro (cifra dichiarata dalla Giunta comunale) ma molto molto meno, non ci sia mai stata una replica che contestasse quanto da noi affermato.
Ci fa molto piacere, comunque, per l’intervento e per la preoccupazione mostrata per il nostro bel Centro Storico.

Anonimo ha detto...

Allora a questo punto i famosi debiti fuori bilancio o pregressi, come vogliamo chiamarli, su la loro entità "cela" una sorta di mistero che può sapere giusto il primo cittadino o meglio ancora un dirigente settore finanze.
Io non ho certo le informazioni giuste e quindi cedo la parola achi magari ha fatto questo Blog e l'amministratore anche.

Sulla pedonalizzazione di piazza Buozzi e almeno della prima parte del Corso Garibaldi c'è già una levata di scudi dei commercianti del tratto interessato, che sulla stampa locale anche oggi Martedì 10 Giugno tornano a lanciare gridi di dolore per scongiurare il divieto di entrata delle automobili.

Staremo a vedere, ma a questo punto c'è bisogno di una mobilitazione di quei cittadini che vogliono, almeno per il Sabato e la Domenica, trovare uno spazio fisico per camminare liberamente e socializzare.

Guardate bene che qui al Paese non ci sono grandi spazi per fermarsi un attimo a parlare: sei sempre in preda al traffico.

Non credo che la giunta si opporrà alle resistenze dei commercianti e alla fine tutto resterà come prima.
Solo una mobilizzazione degli abitanti può cambiare qualcosa.
Un saluto a tutti.

Il fotoreporter

Anonimo ha detto...

i commercianti hanno ragione. non si può intervenire con una pedonalizzazione nè con una limitazione dei posti macchina se prima non si studia un progetto globale per la rivalutazione del centro storico. progetto che non può prescindere dall'individuazione di altri posti macchina, dall'incremento dei mezzi pubblici e da tante altre cose per favorire il centro storico.
prima bisogna che l'amministrazione attivi le necessarie e diversificate competenze per lavorare in questo senso altrimenti non solo si sprecano denari ma soprattutto si affossa definitivamente l'economia del paese.

Fauno ha detto...

bene, vivo per corso garibaldi da qnd sn nato e ho visto crescere il numero di auto in transito e in sosta in maniera esponenziale! fino a dieci anni fa ancora si poteva giocare in piazza buozzi!oggi è stracolma di macchine che hanno invaso anche la carreggiata!nn ne possiamo più!il traffico per il corso è insostenibile e la polvere entra nelle case!i commercianti nn vedono quello che è chiaro: i parcheggi per il corso nn sn occupati dai clienti ma dai residenti-fortunati qnd trovano posto- e ancora di più dai dipendenti degli uffici comunali e della banca!a teramo hanno chiuso il centro-chiaramente con orari per lo scrico e il transito residenti e portatori d'handicap- e noi per 300 metri di strada si fanno le raccolte firme con i nomi dei nonni!siamo ridicoli!l'unico commerciante che vuole la pedonalizzazione indovinate di dov'è?di roseto!!!cvd!una amministrazione deve operare con coraggio!deve avere delle linee guida!nn si può ancora andare avanti con le politiche delle pezze!

Per qnt riguarda il progetto la scelta di una ditta edile campana ha posto molti inconvenienti che ha costretto il team capeggiato da Vaccarini ad abbandonare la direzione dei lavori. Con Giovanni ebbi un incontro alcuni mesi fa fornendogli, da studente di storia dell'arte, un suggerimento sui materiali da impiegare nel progetto e convenimmo sul cotto!grandi lastre in cotto e illuminazione da terra dei monumenti sulla piazza mettendo in evidenza la bipolarità Duomo/Palazzo Ducale. Ritengo che la scelta fatta in seguito di un materiale più resistente è stata data dal fatto che si è previsto ancora il transito delle auto!

L'unica maniera per far ritornare la città antica al centro di uno sviluppo anche commerciale è quella di renderla un'oasi dove il giuliese può passeggiare e far correre i bambini senza pericolo per riappropriari dello spazio delle proprie origini. Così continueranno a nascere locali e ristoranti che potranno usufruire dei vicoli e delle piazze:oggi in piazza buozzi e per il corso i caffè hanno i tavoli tra le auto!!!

Sull'anfiteatro che io stesso ho segnalato all'associazione NO COMMENT!

Si proceda a costruire parcheggi fuori le mura e si usi quello dello stadio!

Anonimo ha detto...

APPELLO AL CITTADINO GOVERNANTE!!

Forse non tutti sanno che tre portabandiera si sono alzati una mattina e hanno deciso di mettere il veto sulla imminente e già decisa copertura in lamellare dei campi da tennis 3 e 4. Propongono sfacciatamente di togliere il campo di calcetto e/o trasferirci uno o due campi da tennis togliendo quel pò di verde che resta.
I tre di turno sono cerasari, giuseppe cartone e luciano il concessionario della pizzeria centro sportivo.
Il primo non so chi cazzo sia, credo un consigliere del nulla, ma mi informerò meglio;
il secondo è quello che sovraintende la piscina comunale, quello che si è fatto fare una palestra nel centro sportivo, quello che si è fatto fare uno chalet sul mare adiacente il porto vecchio con tanto di florido giardino e amaca, ecc ecc..;
il terzo lo abbiamo detto, aggiungiamo che gli piacerebbe avere in continuità del ristorante un bel prato verde con fontana.

DOMANDA al SINDACO: la scuola tennis dei bambini, la vita sociale di un circolo composto da più di duecento soci che generano movimento ed indotto, la disponibilità di un campo di calcetto sempre usato da grandi e ragazzi sono meno importanti della volontà di tre fantasmi? Parliamo di un centro sportivo comunale o di una proprietà privata?
O a pensar male vuoi vedere che c'è lo zampino del neo costruttore del pioppeto vuole la copertura in lamellare dei campi fuori dal panorama dei suoi prossimi appartamenti? C'è qualcuno a libro paga in comune?

Cittadino governante per favore alza la voce!
Marco

Marco ha detto...

Penso che Il Cittadino Governante possa raggruppare tanti cittadini incazzati, e tanti cittadini incazzati penso siano più pericolosi di Betume, soldi e raccomandazioni. però ci vogliono tante incazzature tutte assieme..

fauno ha detto...

...dopo il torpore da stamane piazza buozzi è stata recintata!!!nel silenzio di un'amministrazione che ormai nn c'è più, dopo che-come già ho scritto- i progettisti hanno lasciato l'incarico, senza più interpellare la cittadinanza, stamane sono cominciati i lavori!
ah, caro cittadino governante, cambia il titolo della discussione, poichè nn verrà usato travertino-magari!-ma una pietra calcarea delle stesse caratteristiche...
Mistero sulla pedonalizzazione...nn se n'è più discusso...adesso pare si parli di traffico limitato...parcheggi sotto il duomo-cosa di più sensato per rovinarci la visione del monumento???
altro mistero è l'illuminazione delle due eminenze storico-politiche dell'antica Giulia-Duomo e palazzo ducale-che si fronteggiano...saranno almeno illuminati a dovere mettendo in luce il loro dualismo??? magari da terra mettendo in evidenza le forme umanisticamente perfette del primo e l'antico bugnato in mattoni del secondo???
Cittadino governante pensaci tu a farci avere delle risposte su ciò che stanno facendo!
...e magari anche dei parcheggi riservati ai residenti...perchè ora, durante i lavori, nn sappiamo dove mettere l'auto!!!

fauno ha detto...

Ah!dimenticavo...ma perchè nn sn state riusate le pietre che già c'erano sul selciato, nel rifacimento dellle vie limitrofe al municipio???e nn mi fregano dicendomi che nn bastavano perchè su quelle limitrofe al corso c'erano e come!!!Tiratele fuori!!! vergogna!
almeno dopo lo scempio del terrazzamento di cemento armato e la torre di mattoni, potevano almeno usare questa accortezza...è chiedere troppo???

Anonimo ha detto...

http://www.lebugiedegliambientalisti.it/

fauno ha detto...

Le bugie le possiamo dire tutti e possiamo anche snocciolare titoli, ma qui si parla di cose che sono sotto gli occhi di tutti! Insomma "chi ha orecchi intenda" diceva uno molto più importante di noi tutti!

Anonimo ha detto...

appunto........
http://www.lebugiedegliambientalisti.it/